il colore della pece

X

SITO REALIZZATO DA:

Lucio Maggio

UTILIZZANDO :

PHP JAVASCRIPT JQUERY MYSQL HTML XML

ALLVIDEO RELOAD SIGPLUS

X

Diritti D’Autore

Tutti i Quadri, Disegni, Testi e Brani contenuti nel presente sito sono di proprietà di Nicoletta Magnani, comunque il loro utilizzo è stato autorizzato dagli aventi diritto. Ogni utilizzo abusivo viola la legge sul Diritto d’Autore.

Nicoletta Magnani, se non diversamente specificato nei contenuti del sito, possiede o controlla tutti i diritti di proprietà intellettuale dei contenuti e del sito medesimo.

È assolutamente vietato pubblicare, distribuire, estrarre, riutilizzare o riprodurre qualsiasi parte del sito o dei contenuti in qualsiasi forma (compresi la registrazione e/o memorizzazione su qualsiasi supporto) diversa da quanto espressamente consentito nel presente documento e consentiti dalla legge. Il sito e i contenuti sono utilizzabili solo per uso personale e non commerciale, ne è vietata la redistribuzione, trasferimento, cessione o sublicenza.

Links

I links presenti nel sito sono forniti puramente a titolo informativo e per rendere più agevole la navigazione. Non avendo il controllo di questi siti, non siamo responsabili della correttezza delle informazioni in essi contenute.

Nicoletta Magnani © 2018

PAROLE

il colore della pece


Odore di cielo. I miei anni si fanno di vetro. Il vento di una giornata di sole che anticipa la primavera. Il colore dei tuoi occhi che non vedo è fatto di silenzio. E di vane attese. Gli striscioni appesi sulle strade danzano un lamento. Di vento. Denso. Degli istanti in cui ti penso. In cui mancano i fiori. E la speranza che affiori, dall’asfalto, un coniglio. Il bene che ti voglio. Potrebbe essere uno sbaglio. Scritto su un foglio volante. Forte. Vibrante. Soffia. Il vento. Quasi un tormento. Il pensiero di te. E ciò che sento. Mentre cammino le solite strade. Gli stessi negozi. Gli spazi. Dove il tempo è denaro. Ma è sempre più raro. Vedere il coniglio. Il tempo di uno sparo. Il coniglio è sul foglio. Che il vento trasporta. Di porta in porta. Di strada in strada. E poco importa. Dove io vada. Il dolore è lo stesso. Sempre più spesso. E non credo che tu veda. Ma che sappia. Dove nasce il vento. Che mi carezza la nuca. Facendosi brezza. Nel momento. In cui il sole si tace. E non dice. Dove ho perso la mia pace. Nero. Il colore della pece.