presagio

X

SITO REALIZZATO DA:

Lucio Maggio

UTILIZZANDO :

PHP JAVASCRIPT JQUERY MYSQL HTML XML

ALLVIDEO RELOAD SIGPLUS

X

Diritti D’Autore

Tutti i Quadri, Disegni, Testi e Brani contenuti nel presente sito sono di proprietà di Nicoletta Magnani, comunque il loro utilizzo è stato autorizzato dagli aventi diritto. Ogni utilizzo abusivo viola la legge sul Diritto d’Autore.

Nicoletta Magnani, se non diversamente specificato nei contenuti del sito, possiede o controlla tutti i diritti di proprietà intellettuale dei contenuti e del sito medesimo.

È assolutamente vietato pubblicare, distribuire, estrarre, riutilizzare o riprodurre qualsiasi parte del sito o dei contenuti in qualsiasi forma (compresi la registrazione e/o memorizzazione su qualsiasi supporto) diversa da quanto espressamente consentito nel presente documento e consentiti dalla legge. Il sito e i contenuti sono utilizzabili solo per uso personale e non commerciale, ne è vietata la redistribuzione, trasferimento, cessione o sublicenza.

Links

I links presenti nel sito sono forniti puramente a titolo informativo e per rendere più agevole la navigazione. Non avendo il controllo di questi siti, non siamo responsabili della correttezza delle informazioni in essi contenute.

Nicoletta Magnani © 2018

PAROLE

presagio


Il cielo azzurro da cui arriva il vento chiede chiarezza. E la vita. Racconta un coro indistinto di storie. Lascia un presagio. Che si scalda. E vapora piano. Sul lato esposto al sole di non più verdi foglie. Che vacillano il loro ottobre ad ogni ulteriore soffio. Un presagio silenzioso. Come il passare di un gatto. Attraversa il prato di fronte. Lasciando memoria di sé. E nessun segno. Nero. Il merlo. Che saltella vicino alla siepe. Fingendo di conoscere il mio futuro. La risposta soffia nel vento. E asciuga i panni stesi. In riva al sole. È comparso un pensiero. Forse un presagio. Che accorcia la speranza. Di non sperare. Il tempo che resta. Prima che il vento diventi brezza. È una giornata di sole. Tutt’al più qualche temporale. In cui una pioggia di vetro trafigge le mani. Aperte. Uno scroscio. Di parole. In cui si distingue un addio. Mai un arrivederci.