la voce dell'estate

X

SITO REALIZZATO DA:

Lucio Maggio

UTILIZZANDO :

PHP JAVASCRIPT JQUERY MYSQL HTML XML

ALLVIDEO RELOAD SIGPLUS

X

Diritti D’Autore

Tutti i Quadri, Disegni, Testi e Brani contenuti nel presente sito sono di proprietà di Nicoletta Magnani, comunque il loro utilizzo è stato autorizzato dagli aventi diritto. Ogni utilizzo abusivo viola la legge sul Diritto d’Autore.

Nicoletta Magnani, se non diversamente specificato nei contenuti del sito, possiede o controlla tutti i diritti di proprietà intellettuale dei contenuti e del sito medesimo.

È assolutamente vietato pubblicare, distribuire, estrarre, riutilizzare o riprodurre qualsiasi parte del sito o dei contenuti in qualsiasi forma (compresi la registrazione e/o memorizzazione su qualsiasi supporto) diversa da quanto espressamente consentito nel presente documento e consentiti dalla legge. Il sito e i contenuti sono utilizzabili solo per uso personale e non commerciale, ne è vietata la redistribuzione, trasferimento, cessione o sublicenza.

Links

I links presenti nel sito sono forniti puramente a titolo informativo e per rendere più agevole la navigazione. Non avendo il controllo di questi siti, non siamo responsabili della correttezza delle informazioni in essi contenute.

Nicoletta Magnani © 2018

PAROLE

la voce dell'estate


Ieri notte ho aperto la finestra. Un profumo di primavera è entrato di frodo nel gennaio della mia stanza. Un profumo di fiori che non esistevano ancora. Tra i miei capelli. Sono passati d’un tratto i ricordi pastello delle primavere passate. Evocati dalla brezza tiepida. In una cascata di sensazioni, odori e colori sovrapposti. A formare il nero della notte. Ma il silenzio. Quello, era dell’inverno. E uccideva l’illusione nel tempo di un soffio.

Era notte, ieri, quando ho spalancato la finestra. Per bere un sogno. Di primavera. Per un attimo mi è sembrato di sentire, lontano, una voce, la voce dell’estate. Ma il silenzio ha vinto sull’illusione, come si aggiunge il nero ad un colore. E il vento caldo è diventato un mercante bugiardo. Avrei voluto tanto mi avesse venduto almeno un raggio. Di luna di maggio.

Perché stasera guardo l’inverno. La finestra è chiusa. Lo guardo, dall’interno.