discorsi

X

SITO REALIZZATO DA:

Lucio Maggio

UTILIZZANDO :

PHP JAVASCRIPT JQUERY MYSQL HTML XML

ALLVIDEO RELOAD SIGPLUS

X

Diritti D’Autore

Tutti i Quadri, Disegni, Testi e Brani contenuti nel presente sito sono di proprietà di Nicoletta Magnani, comunque il loro utilizzo è stato autorizzato dagli aventi diritto. Ogni utilizzo abusivo viola la legge sul Diritto d’Autore.

Nicoletta Magnani, se non diversamente specificato nei contenuti del sito, possiede o controlla tutti i diritti di proprietà intellettuale dei contenuti e del sito medesimo.

È assolutamente vietato pubblicare, distribuire, estrarre, riutilizzare o riprodurre qualsiasi parte del sito o dei contenuti in qualsiasi forma (compresi la registrazione e/o memorizzazione su qualsiasi supporto) diversa da quanto espressamente consentito nel presente documento e consentiti dalla legge. Il sito e i contenuti sono utilizzabili solo per uso personale e non commerciale, ne è vietata la redistribuzione, trasferimento, cessione o sublicenza.

Links

I links presenti nel sito sono forniti puramente a titolo informativo e per rendere più agevole la navigazione. Non avendo il controllo di questi siti, non siamo responsabili della correttezza delle informazioni in essi contenute.

Nicoletta Magnani © 2018

PAROLE

discorsi


Come parole dette i giorni corrono verso un punto che non conosco. Che appartiene ad una dimensione invisibile. Ma nota. Nata. Dall’incontro. Tra le tue mani e il mio collo. E sospesa. Tra i nostri sguardi. A volte sui bordi. Dei nostri discorsi. Ci sono percorsi ancora da esplorare. Intensi. Come l’odore del mare. E dei fiori freschi. Tra i boschi. Dipinti dai tuoi pensieri. Corre veloce un coniglio selvatico. Dal pelo morbido e chiaro. Che si nasconde tra cespugli e fusti di alberi. Per scomparire alla vista. Come un artista. Che si chiude in una stanza. Nell’abbondanza. Di colore. E dolore. Che scivola sulle tele. Il bianco. Delle vele. È solo un piccolo punto sull’orizzonte marino. La fonte. Di un destino. Che s’allontana sul fondo. Fino a scomparire. Dalla vista. Perché il globo è tondo. Lo sguardo, limitato. L’amore, risparmiato. O forse sconosciuto. Magari annegato. Nel profondo. Delle acque dei pensieri. Sensati e coerenti. Come le cene tra parenti. Come i ruoli assegnati. O decisi. Come fiori recisi. In un vaso di porcellana. Ancora. Non trova tana. Il piccolo coniglio. Forse è nato per sbaglio. Come il bene che ti voglio. Come una rosa a marzo. Quando arriva l’ultima neve. Le vele all’orizzonte. Sono di una nave. Che trasporta giorni. E discorsi. In strani percorsi. Tracciati dal tuo senso di concretezza. Lontano. Si alza una brezza. Che agita il mare. Tra le onde trema. La sua paura. Di scoprire. D’amare.