con un filo di voce

X

SITO REALIZZATO DA:

Lucio Maggio

UTILIZZANDO :

PHP JAVASCRIPT JQUERY MYSQL HTML XML

ALLVIDEO RELOAD SIGPLUS

X

Diritti D’Autore

Tutti i Quadri, Disegni, Testi e Brani contenuti nel presente sito sono di proprietà di Nicoletta Magnani, comunque il loro utilizzo è stato autorizzato dagli aventi diritto. Ogni utilizzo abusivo viola la legge sul Diritto d’Autore.

Nicoletta Magnani, se non diversamente specificato nei contenuti del sito, possiede o controlla tutti i diritti di proprietà intellettuale dei contenuti e del sito medesimo.

È assolutamente vietato pubblicare, distribuire, estrarre, riutilizzare o riprodurre qualsiasi parte del sito o dei contenuti in qualsiasi forma (compresi la registrazione e/o memorizzazione su qualsiasi supporto) diversa da quanto espressamente consentito nel presente documento e consentiti dalla legge. Il sito e i contenuti sono utilizzabili solo per uso personale e non commerciale, ne è vietata la redistribuzione, trasferimento, cessione o sublicenza.

Links

I links presenti nel sito sono forniti puramente a titolo informativo e per rendere più agevole la navigazione. Non avendo il controllo di questi siti, non siamo responsabili della correttezza delle informazioni in essi contenute.

Nicoletta Magnani © 2018

PAROLE

con un filo di voce


Il buio arriva in silenzio, scivolando sugli ultimi raggi di sole. Come le parole. Che non dici. Giungono dai tuoi sguardi. Scivolando sui miei. In silenzio. Sopraggiunge, lento, il buio. Come un accumularsi di respiri del cielo. Si sovrappongono, velo dopo velo. Formando questo nero trasparente. Fatto del niente immenso della notte. E ti penso. Aggrappato alla sera e ai suoni della televisione. A ciò che hai deciso, che sia e che sarà. A ciò. Che forse non ti somiglia. La sera scura, non ti meraviglia. Non ti spoglia. Della muta protettiva. Ma prima o poi arriva. E nel silenzio bisbiglia. Trasformandosi in una voglia. Che sfiora il tuo corpo. Sino alla soglia. Dei tuoi pensieri profondi. I cerchi tondi. Di un piccolo sasso caduto nell’acqua. Che provoca una vibrazione. Compaiono solo in superficie. Come ciò. Che la sera sussurrando non dice. Tace. Un silenzio. Di buio. Che scivola pigro ed inarrestabile. Sulle falde dei tetti. Sui muri freddi delle case. Sulle cose. Sulle rose, che non mi porti. Sul mio immaginarti. Sul non vederti. Sui ricordi, di quando parti. Regna il mio silenzio, nel guardarti. Ora. Con un filo. Di voce. Nel buio. Ti chiamo. Mi risponde la sera. Scivolando fredda. Sulla mia mano. E quasi, tremo.