i rumori del mattino

X

SITO REALIZZATO DA:

Lucio Maggio

UTILIZZANDO :

PHP JAVASCRIPT JQUERY MYSQL HTML XML

ALLVIDEO RELOAD SIGPLUS

X

Diritti D’Autore

Tutti i Quadri, Disegni, Testi e Brani contenuti nel presente sito sono di proprietà di Nicoletta Magnani, comunque il loro utilizzo è stato autorizzato dagli aventi diritto. Ogni utilizzo abusivo viola la legge sul Diritto d’Autore.

Nicoletta Magnani, se non diversamente specificato nei contenuti del sito, possiede o controlla tutti i diritti di proprietà intellettuale dei contenuti e del sito medesimo.

È assolutamente vietato pubblicare, distribuire, estrarre, riutilizzare o riprodurre qualsiasi parte del sito o dei contenuti in qualsiasi forma (compresi la registrazione e/o memorizzazione su qualsiasi supporto) diversa da quanto espressamente consentito nel presente documento e consentiti dalla legge. Il sito e i contenuti sono utilizzabili solo per uso personale e non commerciale, ne è vietata la redistribuzione, trasferimento, cessione o sublicenza.

Links

I links presenti nel sito sono forniti puramente a titolo informativo e per rendere più agevole la navigazione. Non avendo il controllo di questi siti, non siamo responsabili della correttezza delle informazioni in essi contenute.

Nicoletta Magnani © 2018

PAROLE

i rumori del mattino


I rumori del mattino sono chiari. Arrivano alla mia finestra come i passeri. Dal cortile un martello di muratore prosegue incessante. Lontane, le auto. Voci. Lungo le scale interne. E passi. Di corsa. Passi rapidi sugli scalini. Fino al pianerottolo. Tintinnio di chiavi. Una porta. Squilli. Di telefono. Nell’appartamento accanto. Nessun canto. Nessuno. Ed io. Vorrei gridare. Uscire. Sul balcone. Ed urlare. Forte. Più forte. La voce non esce. Resta avvinghiata alle pareti dello stomaco. O più giù. Nascosta tra le curve dell’intestino. Stringendolo forte. Fino al dolore. Cessato. Il colpo di martello. Non si sente. Un aspirapolvere. Al piano superiore. Mi ricorda che dovrei pulire il tappeto. Prima, strillare. Fuori. Sul balcone. Per tutto il cortile. Il martello. Ha ripreso. I suoi colpi. Battono. Le mie ossa. Privandomi. Di qualsiasi mossa. Perché io non possa. Uscire. E gridare. Un urlo. Un canto. Nessun canto. Sciupati dalla luce. Sbiaditi. Insignificanti. Chiari. Chiari. I rumori del mattino